mercoledì 30 novembre 2016

Recensione libro:


Dieci piccoli indiani 
di Agatha Christie
Titolo: Dieci piccoli indiani 
Autore: Agatha Christie
Casa Editrice: Mondadori
Anno di pubblicazione: 2002
Costo: 11,00
Pagine: 182

Trama:
Dieci persone estranee l'una all'altra sono state invitate a soggiornare in una splendida villa a Nigger Island, senza sapere il nome del generoso ospite. Eppure, chi per curiosità, chi per bisogno, chi per opportunità, hanno accettato l'invito. E ora sono lì, su quell'isola che sorge dal mare, simile a una gigantesca testa, che fa rabbrividire soltanto a vederla. Non hanno trovato il padrone di casa ad aspettarli. Ma hanno trovato una poesia incorniciata e appesa sopra il caminetto di ciascuna camera. E una voce inumana e penetrante che li accusa di essere tutti assassini. Per gli ospiti intrappolati è l'inizio di un interminabile incubo. 
  •  •  • Recensione •  •  • • •
Ho finito da poco di leggere questo libro. Che dire, mi è piaciuto molto, infatti i gialli rientrano in una delle mie categorie preferite. Mi è piaciuto molto lo stile di scrittura di Agatha Christie, infatti questo è il primo libro che leggo di lei, e penso che presto ne leggerò degli altri, poiché lo stile di scrittura non annoia ed è molto coinvolgente.
Passiamo a parlare del libro. Ovviamente la maggior parte delle persone avrà sentito nominare almeno una volta in vita loro questo libro. Era da tanto tempo che stavo puntando questo libro, poi l'ho trovato scontato del 25% e ho deciso di prenderlo. Non me ne pento affatto.

Se vi state approcciando al genere giallo, vi consiglio di iniziare da questo libro, ve lo farà amare. Comunque è un libro che consiglio a tutti.

Voto:
           
Mi dispiace che la recensione sia così corta, ma non ho avuto tempo per scriverne una più lunga. Spero che possiate apprezzarla lo stesso. 

Nessun commento:

Posta un commento