Passa ai contenuti principali

RECENSIONE: VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO di Ronald H. Balson

Buongiorno a tutti. Oggi sono tornata con una nuova recensione. Il libro di cui vi parlerò oggi è "Volevo solo averti accanto" di Ronald H. Balson.
TITOLO: Volevo solo averti accanto
AUTORE: Ronald H. Balson
CASA EDITRICE: Garzanti
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2015
PAGINE: 420
PREZZO: 12,00
COMPRA QUI
TRAMA: È la sera della prima al grande teatro dell'Opera di Chicago. Morbide stole e sete fruscianti si scostano per far largo al vecchio Elliot Rosenweig, il più ricco e importante mecenate della città. All'improvviso fra la folla appare un uomo anziano in uno smoking rattoppato. Tra le mani stringe convulsamente una pistola che punta alla testa di Rosenweig. La voce trema per la rabbia, ma lo sguardo è risoluto quando lo accusa di essere in realtà Otto Piatek, il macellaio di Zamosc, feroce criminale nazista. Ma nessuno sparo riecheggia tra i cristalli e gli specchi del sontuoso atrio. E Ben Solomon, un ebreo scampato ai campi di sterminio, viene atterrato dalla sicurezza e trascinato in prigione. Nessuno crede alle sue accuse, nessuno vuole ascoltarlo. Tranne Catherine Lockhart, una giovane avvocatessa alle prese con una scelta difficile della sua vita. Catherine conosce l'olocausto esclusivamente dai libri di scuola, eppure solo lei riesce a leggere la forza della verità negli occhi velati di Ben, solo lei è disposta ad ascoltare la sua storia. Una storia che la porta nella fredda e ventosa Polonia degli anni Trenta, a un bambino tedesco tremante e con le scarpe di cartone che viene accolto e curato come un figlio nella ricca casa della famiglia ebrea dei Solomon. Ma anche agli occhi ambrati di una ragazza coraggiosa e a una storia di amore, amicizia e gelosia che affonda le radici del suo segreto in un passato tragico.
La storia inizia a Chicago, nel 2004, al teatro dell'Opera, dove si trova Elliot Rosenzweig, uno degli uomini più importanti dell'Illinois. Qui, a un certo punto, gli si avvicina un uomo con una pistola dicendogli di confessare che lui in realtà è Otto Piatek. L'uomo con la pistola è Ben Solomon. Nessuno gli crede. Ben si rivolge a una giovane avvocatessa per smascherare una volta per tutti Elliot. L'avvocatessa è Catherine Lockhart, che inizia a prendere a cuore il caso di Ben, ascoltando la sua storia ricca di eventi tragici, ma anche di eventi positivi. Infatti Ben è un ebreo polacco. Durante la seconda guerra mondiale, ha passato molti momenti di dispiacere a causa dell'Olocausto. Ma Ben non ha vissuto solo momenti tragici, ma ne ha passati anche di felici, come il matrimonio con Hannah.

“Signorina Lockhart, quella sera mi innamorai per il resto della mia vita e, se la mia fede non mi inganna, per l’eternità.” 

Ben racconta all'avvocato che questo Otto Piatek, era per lui come un fratello, perché è stato  cresciuto dai genitori di Ben. Attraverso la storia verrano a galla molte verità e si arriverà a una degna conclusione. La storia narrata presenta dei flashback. 

Questo libro non parla solo della storia di Ben, ma anche della crescita personale e lavorativa di Catherine, perché attraverso Ben verrà fuori una nuova donna, che non ha paura di andare incontro alle sue idee. Ma Catherine ha anche un aiutante, Liam, il quale è un investigatore privato, che sarà molto importante per scoprire la verità.

“Anche nel bel mezzo di un mondo che sta andando a pezzi si può sempre trovare una speranza a cui aggrapparsi, un futuro da sognare. Lo spirito umano ha una resistenza inesauribile.” 

La storia mi è piaciuta molto. Mi sono affezionata a Ben e la sua storia mi ha toccato nel profondo. Ho adorato Catherine perché è una donna determinata a portare alla conclusione l'intera storia, oltre ad essere determinata, è forte e sicura di sé. 

Vi consiglio vivamente di leggere Volevo solo averti accanto. Sicuramente rientra tra i miei libri preferiti di questo 2017.


VOTO4 rose



           

Commenti

  1. Ciao, Vale! Questo romanzo ho sempre desiderato leggerlo, ma ancora non ho trovato l'occasione... Confido l'anno prossimo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE: NON LEGGERAI di Antonella Cilento

Buongiorno a tutti. Oggi vi porto la recensione del libro "Non leggerai" di Antonella Cilento, ringrazio la casa editrice Giunti per avermi inviato una copia del libro. All'interno della recensione sono presenti SPOILER. TITOLO: Non leggerai AUTORE: Antonella Cilento CASAEDITRICE: Giunti Editore GENERE: young adult SAGA O STANDALONE: standalone ANNO: 2019 PREZZO: 14,00 PAGINE: 208 COMPRAQUI TRAMAIn tutti i Mondi Occidentali la lettura non interessa più: scomparsi editori e giornali, un Decalogo governativo vieta la letteratura. Le lezioni in aula si tengono in video, gli studenti nelle Scuole Riassunto consegnano compiti filmati con il cellulare. È a Napoli, in una di queste scuole, che Help Sommella, sedicenne tatuata e ribelle, stringe amicizia con una nuova e timida compagna, Farenàit Lopez. Un giorno, Farenàit - che ha una passione per i volti dei morti, doppiamente scandalosa poiché il Decalogo vieta anche di vedere i propri parenti deceduti - ruba una cassa da morto insiem…

DIY: SEGNALIBRI HARRY POTTER

Ciao :) Oggi vi voglio postare un post diverso dal solito, infatti ho intenzione di portare sul blog qualche DIY (sono creazioni fai da te). Qualche tempo fa, girando su Pinterest ho trovato questa foto dove si vedono tre segnalibri, che riguardano Harry, Ron ed Hermione. 
Questa è la foto:
OCCORRENTE: •fogli bianchi o cartoncino  •matita e gomma •colla •forbici •fermagli
•pennarelli (Voglio precisare che questo è un esperimento, e so di certo che non è venuto benissimo, ma ci tenevo a farvelo vedere, per darvi qualche consiglio.)

Invece qui vi mostro passaggio per passaggio: Prima di tutto bisogna disegnare le immagini o su un foglio bianco o su un cartoncino. Ovviamente colorare le immagini. Ritagliare le immagini (io ho passato i contorni con un tratto pen, ma si può benissimo farlo anche con un pennarello con la punta fine)

RECENSIONE: FOLLIA di Patrick McGrath

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione. Si tratta del libro "Follia" di Patrick McGrath. TITOLO: Follia AUTORE: Patrick McGrath CASA EDITRICE: Adelphi GENERE: narrativa  SAGA: no ANNO: 2012 PAGINE: 296 PREZZO: 12,00 COMPRAQUI TRAMAUna grande storia di amore e morte e della perversione dell'occhio clinico che la osserva. Dall'interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno psichiatra comincia a esporre il caso clinico più perturbante della sua carriera: la passione tra Stella Raphael, moglie di un altro psichiatra, e Edgar Stark, artista detenuto per uxoricidio. Alla fine del libro ci si troverà a decidere se la "follia" che percorre il libro è solo nell'amour fou vissuto dai protagonisti o anche nell'occhio clinico che ce lo racconta. A inizio anno ho comprato questo libro, approfittando degli sconti Adelphi e solo adesso l'ho letto. Devo ammettere che mi è piaciuto abbastanza, soprattutto la parte psicologica.
La protagonista…