Passa ai contenuti principali

RECENSIONE: IL MIO SPLENDIDO MIGLIORE AMICO di A.G. Howard

Buongiorno a tutti. Oggi vi porto sul blog una nuova recensione, il libro in questione è Il mio splendido migliore amico di A.G. Howard. Voi l'avete letto? Vi è piaciuto?
TITOLO: Il mio splendido migliore amico
AUTORE: A.G. Howard
CASA EDITRICE: Newton Compton Editori
PAGINE: 406
ANNO: 2016
PREZZO: 5,90
COMPRA QUI
TRAMAAlyssa Gardner riesce a sentire i sussurri dei fiori e degli insetti. Peccato che per lo stesso dono sua madre sia finita in un ospedale psichiatrico. Questa maledizione affligge la famiglia di Alyssa fin dai tempi della sua antenata Alice Liddell, colei che ha ispirato a Lewis Carroll il suo "Alice nel Paese delle Meraviglie". Chissà, forse anche Alyssa è pazza, ma niente sembra ancora compromesso, almeno per ora, almeno fin quando riuscirà a ignorare quei sussurri. Quando la malattia mentale della madre peggiora improvvisamente, però, Alyssa scopre che quello che lei pensava fosse solo finzione è un'incredibile verità: il Paese delle Meraviglie esiste davvero, è molto più oscuro di come l'abbia dipinto Carroll e quasi tutti i personaggi sono in realtà perfidi e mostruosi. Per sopravvivere e per salvare sua madre da un crudele destino che non merita, Alyssa dovrà rimediare ai guai provocati da Alice e superare una serie di prove: prosciugare un oceano di lacrime, risvegliare i partecipanti a un tè soporifero, domare un feroce Serpente. Di chi potrà fidarsi? Di Jeb, il suo migliore amico, di cui è segretamente innamorata? Oppure dell'ambiguo e attraente Morpheus, la sua guida nel Paese delle Meraviglie?
Il mio splendido migliore amico è un libro che ho comprato lo scorso anno, ma solo adesso mi sono decisa a leggerlo. La protagonista della storia è Alyssa, una giovane ragazza, con alcune stranezze. Infatti Alyssa è parente di Alice Liddell, l'Alice del paese delle meraviglie. La protagonista possiede alcune abilità, infatti riesce a parlare con insetti e fiori. Alyssa ha una situazione familiare complicata perché la madre si trova all'interno di un ospedale psichiatrico, in quanto anche è colpita dalle stesse stranezze della figlia. Alyssa ha una migliore amica Jen e un migliore amico, di cui è segretamente innamorata, Jeb, il fratello di Jen.

Alyssa scopre che il suo destino è quello di spezzare la maledizione che colpisce la sua famiglia da generazioni e l'unico modo per farlo è di andare nel Paese delle meraviglie. La sera del ballo Alyssa attraversa lo specchio, che si trova in camera sua, e nel mentre lei attraversa, subito dopo anche Jeb lo attraversa. 

Arrivati nel Paese delle meraviglie incontra colui che l'ha guidata fin lì, Morpheus, colui che fin da piccola è entrato nei sogni di Alyssa per istruirla a compiere quell'avventura. Le ultime cinquanta pagine mi hanno molto sorpreso perché non me l'aspettavo minimamente e sono ricche di azione e avventura.

La storia mi è piaciuta, l'ho trovata molto particolare, ma in alcuni punti molto lenta e questo non mi ha fatto apprezzare a pieno il libro. Mi è piaciuto il fatto che l'autrice abbia preso spunto dal libro di Lewis Carroll e che ne contempo c'abbia messo del suo. Alyssa l'ho trovata un personaggio ben realizzato, anche se in alcune scene non mi è piaciuta molto, però nel complesso è un personaggio caratterizzato molto bene. Jeb non mi è piaciuto tantissimo, però si è rivelato un buon aiutante, spero che il suo personaggio migliori nel seguito. Invece Morpheus mi è piaciuto tantissimo, soprattutto per il fatto che abbia sempre aiutato Alyssa.

Il libro lo consiglio a chi ha già letto Alice nel paese delle meraviglie, in quanto sono presenti molti riferimenti e soprattutto lo consiglio a chi ama questo genere di storie.

VOTO: 3.5 rose

Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW PARTY: LA PICCOLA BOTTEGA DI PARIGI di Cinzia Giorgio

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione, si tratta del libro "La piccola bottega di Parigi" di Cinzia Giorgio, edito da Newton Compton Editori, in uscita, oggi, 30 agosto.
All'interno della recensione sono presenti alcuni SPOILER. TITOLO: La piccola bottega di Parigi AUTORE: Cinzia Giorgio CASA EDITRICE: Newton Compton Editori ANNO: 2018 PREZZO: 10,00 PAGINE: 320 COMPRAQUI TRAMACorinne Mistral ha trentadue anni ed è un avvocato che non perde mai una causa. Vive a Roma e lavora presso il prestigioso studio legale della famiglia del suo fidanzato. Si sta dedicando anima e corpo a una causa molto importante quando la raggiunge la notizia della morte di sua nonna e dell'eredità che le ha lasciato: un atelier di haute-couture in Rue Cambon a Parigi. Corinne parte immediatamente, decisa a sistemare il più presto possibile la faccenda per poter tornare al suo lavoro. Ma pian piano resta affascinata dalla straordinaria storia di sua nonna, una donna che lei ha av…

PREFERITI DEL MESE (AGOSTO)

Buongiorno a tutti e ben tornati sul blog. Oggi vi porto i preferiti del mese di agosto

LIBRI DEL MESE

Questo mese ho letto "La psichiatra" di Wulf Dorn (recensione), "La piccola bottega di Parigi" di Cinzia Giorgio (recensione), "La moglie del califfo" di Renée Ahdieh (recensione), "Il giardino delle farfalle" di Dot Hutchison, "Cime tempestose" di Emily Bronte e "King" di Meghan March.
FILM DEL MESE

Questo mese ho visto Daddy's home 2, che mi è piaciuto abbastanza, Noi siamo tutto, l'ho trovato molto carino e Tuo, Simon, anche questo l'ho trovato molto carino e leggero.
SERIE TV DEL MESE
Questo mese ho finito di vedere Buffy e ho ripreso a guardare Once upon a time, dove mi ero fermata alla seconda stagione, e per adesso sono alla quinta stagione.




TBR ANNUALE

RECENSIONE: QUEEN di Meghan March

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione, il libro in questione è "Queen" di Meghan March, edito da Sem Edizioni. TITOLO: Queen AUTORE: Meghan March CASA EDITRICE: Sem edizioni PAGINE: 218 PREZZO: 14,00 ANNO: 2018 COMPRAQUI TRAMAIo sono la sua distrazione, il mio corpo è il suo giocattolo. Ho dovuto cedere, non avevo scelta. Lo odio, mi dico, ma ogni volta che entra da quella porta sento un brivido. Come posso desiderarlo e detestarlo allo stesso tempo? Mi sta facendo impazzire. Non dovevo finire in questo gorgo, dovevo immaginare che Lachlan Mount è un maschio senza regole. Ma non ho nessuna intenzione di arrendermi, non voglio che veda le mie debolezze. Pagherò il mio debito e manterrò intatto il mio cuore. Prima di tutto ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia del libro e come seconda cosa vi consiglio di leggere la recensione solo se avete già letto il primo volume della trilogia, ossia "King" (recensione). Questo secondo volume inizia…