Passa ai contenuti principali

RECENSIONE: LA POSTA DEL CUORE DI MRS BIRD di AJ Pearce

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione, si tratta del libro "La posta del cuore di Mrs Bird" di AJ Pearce, che mi è stato gentilmente inviato dalla casa editrice Sperling & Kupfer.
TITOLO: La posta del cuore di Mrs Bird
AUTORE: AJ Pearce
CASA EDITRICE: Sperling & Kupfer
GENERE: romantico
SAGA O AUTOCONCLUSIVO: autoconclusivo 
ANNO: 2019
PAGINE: 310
PREZZO: 17,90
COMPRA QUI
TRAMALondra, 1940. Il sogno di Emmeline è diventare una giornalista. O meglio, una reporter. In quei difficili tempi di guerra, a soli ventitré anni, si guadagna da vivere come segretaria presso uno studio legale e contribuisce allo sforzo bellico facendo il turno di notte come centralinista presso la stazione dei vigili del fuoco. Ma già si vede indossare i pantaloni e guidare un'auto tutta sua, sigaretta tra le labbra, a caccia di notizie. Così, quando sul London Evening Cronicle trova l'annuncio per un posto da praticante, si candida senza esitazione. Ben presto, però, si rende conto che è un terribile equivoco. Si tratta semplicemente di un ruolo da dattilografa, al servizio della direttrice di una rivista femminile in crisi di vendite: la temibile Mrs Henrietta Bird. Per lei, Emmeline deve anche vagliare la corrispondenza delle lettrici che le scrivono in cerca di consigli e cestinare prontamente quelle contenenti «sgradevolezze». Esiste un lungo elenco di argomenti giudicati impubblicabili: le relazioni extraconiugali così come i rapporti matrimoniali, senza contare parole come «baci» e «abbracci». Insomma, una posta del cuore in cui non si può parlare dei veri problemi di cuore. Perché, secondo l'arcigna e insensibile Mrs Bird, le nuove generazioni si stanno troppo lasciando andare, ed è giunto il tempo di riportare un po' di rigore. Ma Emmeline non può restare indifferente ai messaggi disperati di tante sue coetanee, in cui rivede la vita delle sue amiche, e in fondo anche la sua. Sa sulla propria pelle quanto possa fare bene una semplice parola di conforto ed è disposta a tutto pur di aiutare quelle ragazze in difficoltà. Persino a rispondere al posto di Mrs Bird. Dopotutto, se la battaglia volge alla sconfitta, non vale forse la pena tentare il tutto per tutto? Nel coraggio ribelle di Emmeline rivive lo spirito delle ragazze che nel corso della Storia hanno cercato la propria strada a costo di sfidare le convenzioni.
Il libro è ambientato nel 1940, durante la seconda guerra mondiale. La protagonista è Emmeline, una giovane ragazza con un sogno, quello di diventare una repoter di guerra. Emmy trova sul London Evening Chronicle un annuncio come praticante e capisce subito che fa al caso suo. Ma quello che non sa, e che scoprirà in seguito, è che il lavoro non è per il Evening Chronicle ma per il Woman’s Friend, una rivista per le donne, gestita da Henrietta Bird.
Il compito di Emmy sarà quello di leggere la posta per la rubrica Henrietta ti dà una mano e in seguito battere a mano le diverse risposte di Mrs Bird. Ma quello che scoprirà in seguito Emmy è che Mrs Bird accetta solo lettere che non contengano "sgradevolezze" come rapporti extra coniugali, baci, abbracci... Ma Emmy sente il bisogno di rispondere a queste donne e inizia a farlo di nascosto.
Inoltre scopriamo che Emmy fa anche un secondo lavoro notturno, ossia come volontaria alla caserma dei vigili del fuoco. Emmy ha anche una migliore amica, Bunty, con cui divide la casa.

Emmy all'inizio non mi ha colpito molto come personaggio, ma andando avanti nella storia l'ho trovata altruista e mi è piaciuto il fatto che non si sia mai arresa davanti alle difficoltà.
Ho adorato il fatto che l'intera storia si basasse soprattutto sulle lettere e mi è piaciuto molto che l'autrice ne abbia trascritte alcune.
Nel libro sono presenti diversi temi come l'amicizia, l'amore, il rispetto, la fiducia...
Leggendo la trama mi aspettavo tutt'altra storia, invece mi ritengo soddisfatta della lettura. Nel complesso è un buon libro, con una storia carina e leggera, adatta soprattutto all'estate.
VOTO4 rose

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE: NON LEGGERAI di Antonella Cilento

Buongiorno a tutti. Oggi vi porto la recensione del libro "Non leggerai" di Antonella Cilento, ringrazio la casa editrice Giunti per avermi inviato una copia del libro. All'interno della recensione sono presenti SPOILER. TITOLO: Non leggerai AUTORE: Antonella Cilento CASAEDITRICE: Giunti Editore GENERE: young adult SAGA O STANDALONE: standalone ANNO: 2019 PREZZO: 14,00 PAGINE: 208 COMPRAQUI TRAMAIn tutti i Mondi Occidentali la lettura non interessa più: scomparsi editori e giornali, un Decalogo governativo vieta la letteratura. Le lezioni in aula si tengono in video, gli studenti nelle Scuole Riassunto consegnano compiti filmati con il cellulare. È a Napoli, in una di queste scuole, che Help Sommella, sedicenne tatuata e ribelle, stringe amicizia con una nuova e timida compagna, Farenàit Lopez. Un giorno, Farenàit - che ha una passione per i volti dei morti, doppiamente scandalosa poiché il Decalogo vieta anche di vedere i propri parenti deceduti - ruba una cassa da morto insiem…

RECENSIONE: INVISIBILE di Ursula Poznanski e Arno Strobel

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione, si tratta del libro "Invisibile" di Ursula Poznanski e Arno Strobel, che mi è stato gentilmente inviato dalla casa editrice Giunti Editore. TITOLO: Invisibile AUTORE: Ursula Poznanski e Arno Strobel CASA EDITRICE: Giunti Editore GENERE: thriller SAGA O AUTOCONCLUSIVO: autoconclusivo ANNO: 2019 PAGINE: 351 PREZZO: 19,00 COMPRAQUI TRAMAUn paziente trafitto a morte dal bisturi del chirurgo durante un'operazione a cuore aperto. Un agente immobiliare ucciso con ventiquattro coltellate sulla soglia di casa. Un ragazzo massacrato con una mazza da baseball per strada, davanti a decine di testimoni. Un assurdo bagno di sangue travolge la città di Amburgo, ma la cosa più singolare è la facilità con cui i commissari Daniel Buchholz e Nina Salomon riescono a catturare i colpevoli. Eppure il movente rimane incomprensibile: nessuno di loro sembrava conoscere davvero la vittima. L' unico elemento in comune è una rabbia feroce cres…