Passa ai contenuti principali

INTERVISTA A Serena Di Sciullo

Buongiorno a tutti. Oggi ritorno sul blog con una nuova intervista. Questa volta la persona intervistata è Serena Di Sciullo. Ho avuto il piacere di leggere il suo libro Storyline, se siete curiosi di leggere cosa ne penso QUI trovate la recensione. 

1. Ciao Serena. Grazie di essere qui con noi. Innanzitutto ti ringrazio tantissimo per avermi dato l'opportunità di leggere il tuo libro "Storyline". Ma dimmi come è nata l'idea di questo libro.
Ciao Valentina, grazie a te. L'idea di Storyline è nata più di due anni fa, era solo un piccolo abbozzo su un uno dei tanti taccuini in cui scrivo incipit di nuove storie che non sempre vedono la luce. Ricordo di aver fatto leggere l'inizio a mia sorella e lei mi ha spinto a continuarne la stesura.

2. Per i personaggi di Ester e Jake, ti sei ispirata a qualcuno?
In realtà è un po' complesso, ma sì. Inizialmente erano ispirati a due personaggi famosi che lungo la stesura hanno preso tratti miei, del mio ragazzo e della nostra storia.

3. Con quale personaggio ti identifichi? E perché?
C'è un po' di me in tutti i personaggi quindi non so darti una singola risposta. Se mi chiedi, però, qual è il mio personaggio preferito ti dico George senza dubbio.

4. C'è stato qualcuno che ti ha incoraggiato nella realizzazione di questo libro? E qualcuno che invece ti ha ostacolato?
Assolutamente sì! Mia sorella, che si chiama Valentina come te, è stata di grande supporto nei momenti difficili, insieme alla mia amica Sara Tarroni. Hanno creduto a questa storia molto prima di me e senza di loro sarei ancora a cancellare e riscrivere tutto!

Per quanto riguarda gli ostacoli, beh, sono stata io stessa il più grande ostacolo, io e le mie paure, devo ringraziare il mio ragazzo e mia sorella per essermi stati accanto e per avermi teso sempre una mano.

5. Com'è nata la tua passione per la scrittura?
È nata quando ero molto piccola, ho sempre amato tenere dei diari in cui scrivevo quello che mi accadeva durante le giornate e spesso romanzavo il tutto. Devo dire che l'immaginazione mi aiuta molto, la mia mente è un continuo scontrarsi di piccole scene, c'è tanta confusione e per mettere ordine devo trascrivere tutto su carta.

6. Hai altri progetti in corso? (Se si puoi darci qualche indizio)
Sì, ho dei romanzi finiti ma non ancora pronti. Sto valutando quale prendere e revisionare, stravolgere e correggere. Per il momento posso dire che sicuramente sarà ancora un romanzo con una base rosa, ma potrebbe esserci un risvolto di genere diverso.

7. Hai un blog/pagina di Facebook dove seguirti?
Sto aprendo un blog, ma è ancora in fase di allestimento, si chiama Neverland Books che è un nome a me caro da anni di cui ti lascio il link: https://neverlandbookssite.wordpress.com

Per quanto riguarda la pagina Facebook per il momento non ne ho ancora una ufficiale, ma potete seguirmi su Instagram, vi terrò aggiornati! @serenadisciullo

8. Ti ringrazio davvero tanto per essere stata così gentile nel rispondere alle mie domande. 
Grazie a te per aver letto il mio libro e per questa intervista. Alla prossima!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE: NON LEGGERAI di Antonella Cilento

Buongiorno a tutti. Oggi vi porto la recensione del libro "Non leggerai" di Antonella Cilento, ringrazio la casa editrice Giunti per avermi inviato una copia del libro. All'interno della recensione sono presenti SPOILER. TITOLO: Non leggerai AUTORE: Antonella Cilento CASAEDITRICE: Giunti Editore GENERE: young adult SAGA O STANDALONE: standalone ANNO: 2019 PREZZO: 14,00 PAGINE: 208 COMPRAQUI TRAMAIn tutti i Mondi Occidentali la lettura non interessa più: scomparsi editori e giornali, un Decalogo governativo vieta la letteratura. Le lezioni in aula si tengono in video, gli studenti nelle Scuole Riassunto consegnano compiti filmati con il cellulare. È a Napoli, in una di queste scuole, che Help Sommella, sedicenne tatuata e ribelle, stringe amicizia con una nuova e timida compagna, Farenàit Lopez. Un giorno, Farenàit - che ha una passione per i volti dei morti, doppiamente scandalosa poiché il Decalogo vieta anche di vedere i propri parenti deceduti - ruba una cassa da morto insiem…

RECENSIONE: LA POSTA DEL CUORE DI MRS BIRD di AJ Pearce

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione, si tratta del libro "La posta del cuore di Mrs Bird" di AJ Pearce, che mi è stato gentilmente inviato dalla casa editrice Sperling & Kupfer. TITOLO: La posta del cuore di Mrs Bird AUTORE: AJ Pearce CASA EDITRICE: Sperling & Kupfer GENERE: romantico SAGA O AUTOCONCLUSIVO: autoconclusivo  ANNO: 2019 PAGINE: 310 PREZZO: 17,90 COMPRAQUI TRAMALondra, 1940. Il sogno di Emmeline è diventare una giornalista. O meglio, una reporter. In quei difficili tempi di guerra, a soli ventitré anni, si guadagna da vivere come segretaria presso uno studio legale e contribuisce allo sforzo bellico facendo il turno di notte come centralinista presso la stazione dei vigili del fuoco. Ma già si vede indossare i pantaloni e guidare un'auto tutta sua, sigaretta tra le labbra, a caccia di notizie. Così, quando sul London Evening Cronicle trova l'annuncio per un posto da praticante, si candida senza esitazione. Ben presto, però, si rend…

RECENSIONE: INVISIBILE di Ursula Poznanski e Arno Strobel

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione, si tratta del libro "Invisibile" di Ursula Poznanski e Arno Strobel, che mi è stato gentilmente inviato dalla casa editrice Giunti Editore. TITOLO: Invisibile AUTORE: Ursula Poznanski e Arno Strobel CASA EDITRICE: Giunti Editore GENERE: thriller SAGA O AUTOCONCLUSIVO: autoconclusivo ANNO: 2019 PAGINE: 351 PREZZO: 19,00 COMPRAQUI TRAMAUn paziente trafitto a morte dal bisturi del chirurgo durante un'operazione a cuore aperto. Un agente immobiliare ucciso con ventiquattro coltellate sulla soglia di casa. Un ragazzo massacrato con una mazza da baseball per strada, davanti a decine di testimoni. Un assurdo bagno di sangue travolge la città di Amburgo, ma la cosa più singolare è la facilità con cui i commissari Daniel Buchholz e Nina Salomon riescono a catturare i colpevoli. Eppure il movente rimane incomprensibile: nessuno di loro sembrava conoscere davvero la vittima. L' unico elemento in comune è una rabbia feroce cres…