Passa ai contenuti principali

RECENSIONE: LE SETTE SORELLE di Lucinda Riley (SPOILER)

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione. Il libro di cui vi parlerò oggi è LE SETTE SORELLE di Lucinda Riley. Ovviamente come avrete letto dal titolo sono presenti degli spoiler.
TITOLO: Le sette sorelle
AUTORE: Lucinda Riley
CASA EDITRICE: Giunti
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2015
PAGINE: 568
PREZZO: 9,90
COMPRALO QUI
TRAMA: Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l'unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un'amica, giunge improvvisa la telefonata della governante. Pa' Salt è morto. Quel padre generoso e carismatico, che le ha adottate da bambine raccogliendole da ogni angolo del mondo e dando a ciascuna il nome di una stella, era un uomo di cui nessuno, nemmeno il suo avvocato e amico di sempre, conosceva il passato. Rientrate precipitosamente nella villa, le sorelle scoprono il singolare testamento: una sfera armillare, i cui anelli recano incise alcune coordinate misteriose. Maia sarà la prima a volerle decifrare e a trovare il coraggio di partire alla ricerca delle sue origini. Un viaggio che la porterà nel cuore pulsante di Rio de Janeiro, dove un vecchio plico di lettere le farà rivivere l'emozionante storia della sua antenata Izabela, di cui ha ereditato l'incantevole bellezza. Con l'aiuto dell'affascinante scrittore Floriano, Maia riporterà alla luce il segreto di un amore sbocciato nella Parigi bohémienne degli anni '20, inestricabilmente legato alla costruzione della statua del Cristo che torreggia maestosa su Rio. Una vicenda destinata a stravolgere la vita di Maia.
Le sette sorelle è il primo volume dedicato alla sorelle delle sorelle adattate da Pa' Salt. Quest'ultimo adotta sei bambine, in diversi anni (Maia, Ally, Star, CeCe, Tiggy ed Electra) proprio come le sette costellazioni. Ma non riesce a trovare la settima sorella (Merope). 
Maia mentre si trova a Londra da una sua amica, riceve una chiamata dalla sua governante, che le dice che Pa' Salt è morto. Le sei sorelle ritornano a casa per dire addio al padre. Qui scoprono che ha lasciato come testamento una sfera armillare, in cui sono descritte le coordinare di dove sono state adottate. Maia scopre di essere stata adottata in Brasile. 

Maia parte, per scoprire le sue vere origini. Qui conosce lo scrittore brasiliano Floriano, per il quale lei ha tradotto il suo libro. Insieme a lui riesce a risalire alle sue origini, infatti Maia scoprirà di essere discendente di una delle famiglie più importanti in Brasile, gli Ares Cabral

“Sono convinto che quando una persona nasce creativa, è come se la sua anima fosse un cielo pieno di stelle cadenti, e la sua mente un globo che si volta verso qualunque musa riesca a catturare la sua immaginazione.”

La sua bisnonna Izabela Rosa Bonifacio, detta Bel, fu obbligata a sposare Gustavo Ares Cabral. Ma prima di sposarsi Bel, va a visitare il vecchio mondo insieme alla sua amica, Maria Elisa e la sua famiglia. Il padre di Maria Elisa è colui che sta progettando il Cristo a Rio. A Parigi Bel conoscerà il professor Landowsky, colui che sta realizzando il Cristo. Nell'atelier del professore lavora un giovane ragazzo Laurent Brouilly, il quale chiederà a Bel di realizzare una sua statua. Bel inizia a provare qualcosa per Laurent e la stessa cosa vale per lui. 

Ma Bel deve ritornare in Brasile per sposare Gustavo. Al suo ritorno scopre che la madre è stata molto male. Bel sposa Gustavo e nel frattempo arriva a Rio Laurent per portare i pezzi del Cristo. A Rio Bel e Laurent si vedono e iniziano ad essere amanti. Nel frattempo la madre di Bel, peggiora molto, fino a morire. Laurent deve ritornare a Parigi, ma prima di partire chiede a Bel di andare con lui. Bel rimane a Rio, ma confessa a Laurent di aspettare un figlio, che sicuramente è suo. 

Maia riesce a conoscere e parlare con sua nonna, la figlia di Bel. Attraverso le sue parole Maia scopre che Bel è morta quando Beatriz aveva solo due anni e il padre a 17 anni. Maia capisce che Beatriz non ha mai saputo che Laurent fosse il suo padre biologico. Infatti Beatriz le racconta che ha studiato per diversi anni a Parigi, e uno dei suoi professori era proprio Laurent. 
“L’amore non conosce distanze;
non ha continente, 
i suoi occhi sono come stelle.”

Beatriz muore pochi giorni dopo che Maia è andata a farle visita. Maia inizia a provare qualcosa per Floriano e infatti deciderà di trasferisci a Rio con lui.

Questo libro mi è piaciuto davvero tantissimo. L'ho trovato molto scorrevole e mi è piaciuto il fatto che raccontasse due storie diverse, quella di Maia e quella di Bel. Ho trovate entrambe due personaggi caratterizzati molto bene e con i loro diversi punti di vista. 
La storia è molto scorrevole ed è una lettura molto piacevole. La Riley ha la capacità di farti incollare gli occhi alle pagine.

Se amate le storie d'amore questo fa al caso vostro. In Italia ad ottobre, dovrebbe uscire il quarto libro della serie. 


VOTO4 rose

Commenti

  1. Ciao! Ho letto tre romanzi di Lucinda Riley...amo le sue trame così avvincenti!! Questo mi manca :-)

    RispondiElimina
  2. Ormai i romanzi della Riley per me sono una sicurezza, e questo non fa eccezione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE: IL RILEGATORE di Bridget Collins

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con la recensione del libro "Il rilegatore" di Bridget Collins. TITOLO: Il rilegatore AUTORE: Bridget Collins CASA EDITRICE: Garzanti GENERE: narrativa SAGA: no ANNO: 2019 PAGINE: 420 PREZZO: 17,90 COMPRAQUI TRAMAImmagina di poter cancellare per sempre un ricordo, una colpa, un segreto. È esistito un tempo in cui era possibile. È questa l'arte di antichi rilegatori che nelle loro polverose botteghe, oltre a modellare la pelle e incollare fogli, aiutano le persone a dimenticare. Seduti con un libro in mano ascoltano le esperienze del passato che vengono raccontate loro. Parola dopo parola, le cuciono tra le pagine, le intrappolano tra i fili dei risguardi. Così il ricordo sparisce per sempre dalla memoria. Catturato sulla carta non c'è ne più traccia. Per anni l'anziana Seredith ha portato avanti questo affascinante mestiere, ma è arrivato il momento di trovare un apprendista. Qualcuno che rappresenti il futuro. La sua scelta cade su Emme…

DIY: SEGNALIBRI HARRY POTTER

Ciao :) Oggi vi voglio postare un post diverso dal solito, infatti ho intenzione di portare sul blog qualche DIY (sono creazioni fai da te). Qualche tempo fa, girando su Pinterest ho trovato questa foto dove si vedono tre segnalibri, che riguardano Harry, Ron ed Hermione. 
Questa è la foto:
OCCORRENTE: •fogli bianchi o cartoncino  •matita e gomma •colla •forbici •fermagli
•pennarelli (Voglio precisare che questo è un esperimento, e so di certo che non è venuto benissimo, ma ci tenevo a farvelo vedere, per darvi qualche consiglio.)

Invece qui vi mostro passaggio per passaggio: Prima di tutto bisogna disegnare le immagini o su un foglio bianco o su un cartoncino. Ovviamente colorare le immagini. Ritagliare le immagini (io ho passato i contorni con un tratto pen, ma si può benissimo farlo anche con un pennarello con la punta fine)

WWW...WEDNESDAY #27

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova puntata del WWW....WEDNESDAY.
COS'HO APPENA FINITO DI LEGGERE? Ho finito di leggere "Il trono di ghiaccio" di S.J. Maas. COSA STO LEGGENDO? Attualmente sto leggendo "Sei di corvi" di L. Bardugo e "Il rilegatore" di B. Collins. COSA LEGGERO' IN SEGUITO? Ancora non di preciso cosa leggerò in seguito.