Passa ai contenuti principali

RECENSIONE: CECITA' di José Saramago

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova recensione, si tratta del libro "Cecità" di José Saramago, edito da Feltrinelli.
TITOLO: Cecità
AUTORE: José Saramago
CASA EDITRICE: Feltrinelli
ANNO: 2013
PREZZO: 9,50
PAGINE: 288
COMPRA QUI
TRAMAIn un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.
Era da tantissimo tampo che volevo leggere questo libro e finalmente l'ho letto. Il libro inizia con un giovane uomo seduto nella propria macchina, mentre aspetta che il semaforo passi dal rosso al verde. Ma all'improvviso diventa cieco. 
Il cieco, insieme alla moglie, si reca dall'oculista per sapere cosa gli sta succedendo. Da qui parte il contagio. I primi ciechi vengono portati all'interno di un ex manicomio, che ora funge da quarantena. Tra questi ciechi troviamo: il primo cieco, il medico che l'ha visitato, la moglie del medico e altre persone. 

Andando avanti nella storia non conosciamo mai il nome delle persone, perché alla fin fine non servirebbe a niente sapere come si chiamano in quanto tutte le persone non vedono, qui l'unica cosa per riconoscersi è la voce

In mezzo a tutti questi ciechi c'è una persona che ci vede ed è la moglie del medico, la quale avrà un ruolo fondamentale all'interno di tutta la storia, grazie a lei molte persone sopravviveranno. Ovviamente la vita nell'ex manicomio non sarà affatto semplice, i ciechi saranno sottoposti a molte "sfide" come il cibo, l'igiene...

Cecità è un libro molto forte. I temi che vengono descritti al suo interno non sono per niente semplici da affrontare. Ci sono alcune scene che mi fanno fatto venire la pelle d'oca. Penso che se l'avessi letto diversi anni fa, non l'avrei apprezzato come adesso. Sicuramente è un libro che merita di essere letto, non è assolutamente banale, anzi, dal mio punto di vista, dopo aver letto questo libro, penso che tutti noi siamo indispensabili, chi più chi meno. L'unica cosa che non mi ha colpito molto sono stati i dialoghi, alcuni li ho trovati troppo lenti. Comunque è un libro che vi consiglio di leggere, almeno una volta nella vita.

VOTO4 rose

Commenti

  1. Davvero un bellissimo romanzo! Lo lessi tanti anni fa, e mi piacerebbe rileggerlo ☺

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

DIY: SEGNALIBRI HARRY POTTER

Ciao :) Oggi vi voglio postare un post diverso dal solito, infatti ho intenzione di portare sul blog qualche DIY (sono creazioni fai da te). Qualche tempo fa, girando su Pinterest ho trovato questa foto dove si vedono tre segnalibri, che riguardano Harry, Ron ed Hermione. 
Questa è la foto:
OCCORRENTE: •fogli bianchi o cartoncino  •matita e gomma •colla •forbici •fermagli
•pennarelli (Voglio precisare che questo è un esperimento, e so di certo che non è venuto benissimo, ma ci tenevo a farvelo vedere, per darvi qualche consiglio.)

Invece qui vi mostro passaggio per passaggio: Prima di tutto bisogna disegnare le immagini o su un foglio bianco o su un cartoncino. Ovviamente colorare le immagini. Ritagliare le immagini (io ho passato i contorni con un tratto pen, ma si può benissimo farlo anche con un pennarello con la punta fine)

RECENSIONE: IL RILEGATORE di Bridget Collins

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con la recensione del libro "Il rilegatore" di Bridget Collins. TITOLO: Il rilegatore AUTORE: Bridget Collins CASA EDITRICE: Garzanti GENERE: narrativa SAGA: no ANNO: 2019 PAGINE: 420 PREZZO: 17,90 COMPRAQUI TRAMAImmagina di poter cancellare per sempre un ricordo, una colpa, un segreto. È esistito un tempo in cui era possibile. È questa l'arte di antichi rilegatori che nelle loro polverose botteghe, oltre a modellare la pelle e incollare fogli, aiutano le persone a dimenticare. Seduti con un libro in mano ascoltano le esperienze del passato che vengono raccontate loro. Parola dopo parola, le cuciono tra le pagine, le intrappolano tra i fili dei risguardi. Così il ricordo sparisce per sempre dalla memoria. Catturato sulla carta non c'è ne più traccia. Per anni l'anziana Seredith ha portato avanti questo affascinante mestiere, ma è arrivato il momento di trovare un apprendista. Qualcuno che rappresenti il futuro. La sua scelta cade su Emme…

WWW...WEDNESDAY #27

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui con una nuova puntata del WWW....WEDNESDAY.
COS'HO APPENA FINITO DI LEGGERE? Ho finito di leggere "Il trono di ghiaccio" di S.J. Maas. COSA STO LEGGENDO? Attualmente sto leggendo "Sei di corvi" di L. Bardugo e "Il rilegatore" di B. Collins. COSA LEGGERO' IN SEGUITO? Ancora non di preciso cosa leggerò in seguito.