Passa ai contenuti principali

RECENSIONE: L'ORSO di Claire Cameron

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui per portarvi una nuova recensione, il libro in questione è "L'orso" di Claire Cameron.
TITOLO: L'orso
AUTOREClaire Cameron
CASA EDITRICE: Sem Edizioni 
ANNO: 2018
PAGINE: 206
PREZZO: 17,00
COMPRA QUI
TRAMAAnna è una bambina di cinque anni. Con i genitori e il fratellino, Stick, di poco più piccolo, sta facendo una bella vacanza sull'isola di Bates, un paradiso naturale al centro del meraviglioso lago canadese di Opeongo. La radura dove si fermano per la notte è un incanto. Anna stringe a sé il suo pupazzo, dice buonanotte al papà e alla mamma, e si ritira con Stick nella tenda. La sera è tiepida, trasparente, e i suoni che provengono dal bosco accompagnano fin dentro i sogni più dolci. Ma nel cuore della notte la vita diventa un incubo. All'improvviso i due fratellini vengono svegliati dalle urla della mamma e del papà, dal trambusto assordante. Un grosso orso nero ha attaccato i genitori e si accanisce su di loro con la sua enorme forza, con la ferocia della bestia affamata. In un ultimo, disperato atto di coraggio il padre mette in salvo i piccoli, chiudendoli all'interno di un robusto contenitore per gli attrezzi e le provviste. Il mattino seguente, nella luce di una giornata di sole, i due bimbi escono dal nascondiglio che li ha protetti dalla bestia e si incamminano, insieme con il lettore di questo sorprendente, emozionante romanzo, nella loro nuova vita. Attorno, oltre i resti del passato e dell'amore, c'è la natura pericolosa, affamata, impenetrabile, ostile. E una fioca luce per guardare verso il futuro.
Prima di tutto ringrazio la casa editrice SEM per avermi inviato una copia del libro, per potervi scrivere la recensione. L'orso rappresenta una storia molto particolare. All'inizio del libro l'autrice fa una nota scrivendo che la storia narrata si riferisce a una vicenda realmente accaduta. 

L'orso viene narrato dal punto di vista della protagonista, ovvero Anna, una bambina di soli di 5 anni. Anna insieme ai genitori e al fratellino di tre anni, di nome Alex, soprannominato Stick, si accampano in un bosco. Alla sera mentre i due bambini sono nella tenda arriva un orso che uccide entrambi i genitori. Inconsciamente Anna assiste all'omicidio dei suoi genitori. Però entrambi i bambini si salvano. La madre, ormai quasi morta, dice alla figlia di salvarsi e di portare il fratellino sulla canoa per un giro. Anna fa quello che le dice la mamma e dopo un giro in canoa i due bambini ritornano sulla terraferma. La storia finisce un lieto fine per Anna ed Alex.

La storia narrata nel libro è molto cruda ed emozionante, perché noi lettori assistiamo in prima persona a cosa sta provando Anna. Ella si dimostra forte e coraggiosa, prendendosi cura di se stessa e del proprio fratello. L'orso si presenta come una storia che non annoia il lettore, grazie alla scrittura fluida dell'autrice.

Forse questo non era il periodo adatto da leggerlo, perché sono in sessione, poiché non mi è piaciuta appieno. Io ve lo consiglio, ma non è un libro adatto a tutti. La storia non è da sottovalutare. 

VOTO4 rose

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A...SAMILA YUMI MARCHETTI

Buongiorno a tutti. Oggi sono qui un nuovo appuntamento della rubrica INTERVISTE.  Oggi l'intervista sarà dedicata a Samila Yumi Marchetti, autrice del libro SOLO UN TRUCCO.
PARLACI UN PO' DI TE. Hmmm, vediamo...che dire di me? Mi chiamo Samila Yumi, ho 21 anni e i libri sono la mia passione più grande. Amo anche le lingue straniere, le serie tv, la pizza e i film dell'orrore. Non sono brava a descrivermi, ma credo di essere una ragazza allegra, un po' fastidiosa e completamente fuori di testa.

COME HAI SCOPERTO LA PASSIONE PER LA LETTURA? Beh... diciamo che sono nata con un libro in mano! Mia madre mi portava con sé in mercatini di libri usati e biblioteche, nel marsupio o nel passeggino, quindi è stato inevitabile che mi innamorassi della lettura!

UN LIBRO CHE E' STATO UTILE NEL TUO PERCORSO DI SCRITTRICE.  Hmmm..diciamo che parallelamente alla mia passione per la lettura è nata anche quella per la scrittura, quindi non c'è stato un libro particolare... Però un lib…

RECENSIONE: DIECI PICCOLI RESPIRI di K.A. Tucker

Buongiorno a tutti. Oggi vi porto sul blog una nuova recensione, si tratta del secondo libro che ho letto a gennaio, ovvero "Dieci piccoli respiri" di K.A. Tucker. Se avete letto questo libro, fatemelo sapere. TITOLO: Dieci piccoli respiri AUTORE: K.A. Tucker CASA EDITRICE: Newton Compton Editori GENERE: romantico  SAGA O STANDALONE: standalone PAGINE: 315 PREZZO: 5,90 COMPRAQUI TRAMAKacey Clearly ha solo vent'anni quando la sua vita è andata in pezzi. Un terribile incidente automobilistico le ha portato via i suoi genitori, il suo fidanzato e la sua migliore amica. Ora, dopo quattro anni trascorsi a casa degli zii nel Michigan, Kacey decide di fuggire via per sempre. Una notte lei e sua sorella Levie prendono un autobus per Miami e lì, nonostante le difficoltà economiche, possono finalmente ricominciare a progettare una nuova vita. Kacey però non è ancora pronta a lasciarsi alle spalle il passato e stringere nuove amicizie, neppure se a chiederglielo è l'affascinante vicin…

IN MY WISHLIST #4

Buongiorno a tutti. Oggi vi porto sul blog, il post dedicato ai libri presenti nella mia wishlist.
ANOCORA NOI di Ruth Jones COMPRA QUI
Kate è un'attrice famosa; divide il suo tempo tra il set, gli eventi mondani e l'appartamento di lusso in cui vive con marito e figlia a Londra. Callum fa il professore; conduce una vita tranquilla a Edimburgo con la sua famiglia numerosa. Quando la scuola in cui insegna decide di celebrare il proprio centenario invitando una ex alunna celebre, i mondi lontani di Kate e Callum entrano in contatto. Per la seconda volta. Perché Kate e Callum hanno un passato: segreto, passionale, struggente. Diciassette anni prima, quando lei aveva poco più di vent'anni e lui era già sposato, hanno vissuto una storia che ha sconvolto le certezze e le esistenze di entrambi. Una di quelle storie che ti segnano per sempre. Poi è finita, per un motivo che nessuno dei due vuole davvero ricordare. Ognuno è tornato alla propria vita, ha ricostruito la propria felicità.…